x   x
 
Logo AIAZ
  cerca cerca
Home Page spacer Contatti e Mailing-list spacer Area Download spacer Mappa del Sito spacer Pannello di Controllo spacer
 
:: AssociazioneItalianaArcheoZoologia ::
   

News number 9° Convegno AIAZ - Ravenna 2018 [news del 04/10/2018]

News number L’animale nel mondo fenicio-punico [news del 09/03/2018]

News number Ciclo di Seminari - Animali, religioni e società [news del 12/02/2018]

News number Call for Papers 9° Convegno AIAZ [news del 16/01/2018]

News number Inaugurazione 2017/2018 Specializzazione Padova [news del 14/01/2018]

 
     
 
AIAZ freccia MENU
 
 
 
frecciaHome
riga-divisione
frecciaAssociazione
riga-divisione
frecciaSoci
riga-divisione
frecciaIscrizioni
riga-divisione
frecciaAssemblee
riga-divisione
frecciaAttività
riga-divisione
frecciaNews
riga-divisione
frecciaBiblioteca
riga-divisione
frecciaDownload
riga-divisione
frecciaLink utili
riga-divisione
fine menu

891283 click
complessivi



Determinazione dei micromammiferi dai resti ossei e dentari
Ferrara 20-22 febbraio 1998

Dal 20 al 22 febbraio 1998, a Ferrara, presso il Dipartimento di Scienze Geologiche e Paleontologiche dell'Università, a cura del prof. B. Sala, si è tenuto un breve corso di determinazione dei resti scheletrici e dentari dei micromammiferi attuali italiani. A questo stage ha partecipato una decina di soci AIAZ. Il corso ha avuto un carattere essenzialmente pratico. Dopo una breve introduzione su dove e come si formano accumuli di microvertebrati, si è iniziata l'elencazione delle specie di Insettivori e di Roditori che si trovano sul territorio italiano continentale e dei caratteri scheletrici, ma principalmente dentari, che permettono la loro discriminazione specifica. L'utilizzo di due stereo-microscopi a doppia visione ha ridotto i tempi di riconoscimento pratico dei caratteri sul materiale della collezione di confronto, appositamente preparato, ma ha anche facilitato il loro apprendimento. Sono state fornite ai partecipanti fotocopie con figure esplicative della nomenclatura più in uso delle parti scheletriche e della superficie occlusale dei denti, e con disegni illustranti le differenze fra le specie simili. Questo ha facilitato il compito del docente che doveva descrivere i caratteri specifici di ogni taxon e anche l'apprendimento dei partecipanti che, prima ancora di vedere i resti scheletrici o dentari al microscopio, avevano già una indicazione su che particolari dovevano osservare. Data la brevità del corso, non è stato possibile dilungarsi sulle variazioni intraspecifiche dei singoli taxa ma si sono visti, almeno per alcune specie, i morfotipi più comuni. Il corso si è concluso la domenica a mezzogiorno dopo una discussione sui metodi di conteggio dei resti, sull'utilizzo delle rispettive percentuali calcolate e sul loro valore a seconda della quantità di materiale determinato.


 
 
torna su
AIAZ